Ricordiamo che il certificato medico di idoneità sportiva (per attività agonistica o non agonistica) è obbligatorio e che, in caso di incidente o malore, sono previste sanzioni penali molto severe. La legge in materia parla chiaro: “Tutti coloro che svolgono attività sportiva organizzata da Federazioni Sportive del CONI devono essere sottoposti preventivamente a visita medica specialistica per il rilascio del Certificato di Idoneità all’Attività Sportiva.”

Per gli atleti più piccoli, dai 6 anni compiuti in su, è sufficiente un certificato di idoneità all’attività sportiva non agonistica. Il certificato può essere rilasciato da un medico dello sport, dal pediatra di base o da un medico di medicina generale, deve fare riferimento all’idoneità sportiva non agonistica (non ad attività ludico-motorie), e attestare che è stato rilasciato sulla base di una visita obiettiva e dei dati amnestetici, con misurazione della pressione ed elettrocardiogramma a riposo.

Per gli atleti più grandi è necessario un certificato di idoneità all’attività sportiva agonistica specifico per lo sport in questione, rilasciato in seguito ad una visita più approfondita, esclusivamente da un medico dello sport. Ogni disciplina sportiva ha un diverso modo di stabilire il momento da cui scatta l’obbligo di certificato ad uso agonistico:
– Atletica: l’idoneità agonistica va conseguita al momento del tesseramento dell’atleta alla categoria “Ragazzi” (prima media)
– Basket: l’idoneità agonistica va conseguita entro l’anno solare in cui l’atleta ha compiuto l’11mo anno di età
– Calcio: l’idoneità agonistica va conseguita al compimento del 12mo anno di età
– Volley: l’idoneità agonistica va conseguita al compimento del 10mo anno di età

Per la Motoria (Fitness) è sempre sufficiente il certificato di idoneità all’attività sportiva non agonistica.

Il certificato, sia agonistico che non agonistico, riporta sempre la data di scadenza, ed entro quella data è necessario sostenere nuovamente la visita. Chi, in possesso di idoneità agonistica, ha contratto il COVID-19 deve sempre ri-eseguire la visita medica agonistica a negativizzazione avvenuta, anche se il precedente certificato di idoneità non risulta ancora scaduto. Nell’impossibilità dell’Associazione di monitorare analiticamente quali atleti abbiano, o meno, contratto il COVID si richiede, sul punto, la massima collaborazione di tutti gli atleti e delle loro famiglie.

Dove posso sostenere la visita di idoneità medico sportiva?

USMA ha attivato convenzioni con le seguenti strutture:
– Doctor Sport, via Piovese 67, loc. Voltabarozzo Padova  – tel. 049.8023465 (non agonistica: € 35, agonistica: € 60)
[SOSPESA] BMed Medica Group, via dell’Artigianato 1, Mestrino – tel. 049.9003683 (non agonistica: € 37, agonistica: € 57 fino ai 35 anni)
– Amb. S. Massimo, via Madonna 2/b, Villafranca – tel. 049.9051581 (non agonistica: € 35, agonistica: € 50, fino ai 35 anni)
– Poliambulatorio Arcella, via Aspetti 106, Padova – tel. 049.605344 (non agonistica: € 30, agonistica: € 40)
– Centro Medico San Luca, via Sandelli 26, Padova – tel. 049.661242 (agonistica: € 45)

E se non svolgo la visita medica?

Al momento dell’iscrizione gli atleti (o i loro genitori) si assumono l’obbligo di consegnare il certificato di idoneità, quindi USMA si riserva di escludere dall’attività i soci inadempienti verso questo semplice obbligo, previsto dalle norme vigenti, ma comunque diretto esclusivamente alla tutela della salute degli atleti.